By 9th novembre, 2019 Eventi, News No Comments

EUROPEO 2019 Argento italiano grazie al Botticini M.R.Team

Ettore Botticini e il suo team conquistano la medaglia d’argento all’European Championship presso Sebenico (HR). 

Dal 9 al 13 ottobre si è svolto il Campionato Europeo di Match Race nelle acque croate e ha visto il giovane equipaggio italiano più agguerrito che mai. Questo evento internazionale ha coinvolto ben 12 professionisti di vela, ma solo uno proveniente dallo stivale europeo: il team del Circolo Nautico e della Vela Argentario.

Da poco reduce dal Campionato Italiano di Marina di Ravenna, l’equipaggio composto da Ettore Botticini, Federico Colaninno, Lorenzo Gennari e Raffaello Perrini è riuscito a raggiungere, anche in questa occasione, il secondo gradino del podio.

Tuttavia per i giovani velisti il Campionato Europeo ha segnato un vero salto professionale, che li ha visti passare dai ranghi Under all’élite overall del Match Race.

Sono state quattro giornate di vento leggero, caratterizzate da continui cambi d’imbarcazione: “Abbiamo alternato i Platu 25 con i J/70; dovevamo quindi essere rapidi nel cambiare ‘modalità’ di conduzione, vista la grande differenza che c’è tra le due barche, come il fatto di essere dotate una di gennaker e l’altra di spinnaker”. Ettore Botticini descrive così le giornate croate, iniziate con un parziale di cinque vittorie su sette e proseguite con un grande miglioramento. Infatti è stato proprio il terzo giorno a dare una scossa ai ragazzi, facendoli concludere il Round Robin con un picco di tre vittorie su tre, contro forti velisti come Presen e Zbroja.

Conquistati i quarti di finale, il team del CNVA ha eliminato il russo Lipavsky (risultato: 2-0); non ci sono stati dubbi anche contro il francese Morvan, da tanti anni nei ranghi del World Tour di Match Race: “Abbiamo fatto tre ottime regate: dato che loro erano pesanti e soffrivano le arie leggere, abbiamo puntato su partenze conservative con l’idea di mirare sulla velocità di bolina e di poppa, come in una regata normale.” – aggiunge Ettore – “Colaninno è stato bravissimo nella tattica e in manovra siamo stati perfetti: il tre a zero che ci ha garantito la finale è di certo tra i match che ricorderemo a lungo”.

Così è arrivata la tanto attesa finale! La scritta Botticini ha scalato la graduatoria fino a tornare per l’ultima volta a bordo del J/70, ma questa volta contro il plurivincitore svizzero Monnin. Abituato a vincere i match, l’avversario svizzero è rimasto sbalordito nel vedere che il team con la nostra bandiera tricolore era riuscito a conquistare il primo punto. La finale si è conclusa, tuttavia, due a uno per Monnin: “Nello scontro decisivo, data la tendenza del vento, abbiamo deciso di andare a destra, obbligando Monnin verso sinistra.” – racconta Botticini – “Purtroppo il salto della brezza lo ha premiato e all’incrocio seguente aveva una lunghezza di vantaggio che ha difeso fin sulla linea di arrivo. In questo caso possiamo parlare di sfortuna, tanto che Monnin stesso ci ha confessato che anche lui voleva la destra in quel momento della regata”.

I ViceCampioni d’Europa rientrano in Italia con una medaglia argentata in una disciplina sportiva che ultimamente sta riacquistando il proprio valore. Infatti il prossimo anno tornerà a disputarsi World Match Racing Tour e il team del CNVA non potrà mancare, portando orgogliosamente i colori italiani. Il cognome Botticini ci farà vivere altre emozioni? Le basi ci
sono, la determinazione non manca e il team si sta appuntando alcuni aspetti tecnici da migliorare. Con questa situazione non possiamo che attendere le prossime regate per continuare a tifare questi giovani velisti italiani!

Leave a Comment